Maddalena Garzone

Nasce l’ 11 dicembre del 1967 a Tricarico provincia di Matera.
A soli 3 mesi “emigra” a Torino, città che diventerà a tutti gli effetti la sua città.
Frequenta la scuola Magistrale e si diploma, con il minimo dei voti.
Terminata la scuola insegna come supplente in una scuola materna Salesiana.
A 19 anni intraprende la professione di speaker presso una radio torinese: lavoro divertente ma poco remunerativo. Trova così un impiego per i fine settimana come assistente domiciliare di una ragazza affetta da sindrome di Down, lavoro che la impegnerà per tutti i week end dei successivi dieci anni.


A 22 anni si ritrova titolare di un negozio di hi-fi e materiale elettrico, dove lavora con il fratello maggiore che le insegna a sostituire spine e prese elettriche, piccole riparazioni domestiche... insomma “l’arte del fai da te”.


Dopo quattro anni chiude il negozio e cambia completamente settore: comincia a fare la cameriera nei locali musicali di Torino .
Diventa successivamente barmaid imparando l’arte della miscelazione; questo mestiere le offrirà l’ opportunità di conoscere molte persone che contribuiranno alla sua crescita culturale e spirituale.


A 29 anni lascia il lavoro dei week end e si iscrive al corso di Laurea in D.A.M.S. , presso l' Ateneo di Palazzo Nuovo a Torino, continuando a mantenere il lavoro serale di barmaid, per pagarsi l' università.
Nel ’99, dopo aver dato il 12° esame, con il Prof. Roberto Vecchioni,  si ferma e decide di trasferirsi a Roma, città da sempre sognata.


A Roma intraprende altri mille mestieri ...tra cui: rappresentante per Nokia e, nel 2005, Promoter per l’ Associazione Bancaria Italiana dove ha l’opportunità di girare per più di un anno nelle principali città italiane.
Nel 2007 lavora come segretaria presso I.R.M.S.O: Istituto di ricerca medica omeopatica a Roma.
Nel 2009 nasce Fabio Massimo.


Nel 2011 comincia una nuova avventura lavorativa come assistente di studio odontoiatrico, nello studio di Ortodonziaitalia.
Si tratta di un mestiere nuovo che svolge con grande dedizione, imparando ogni giorno nozioni importanti in un ambiente dinamico allegro e comunque molto professionale

Insomma, denominatore comune di tutti i mestieri svolti:
la voglia di apprendere sempre cose nuove e soprattutto di lavorare divertendosi con persone che hanno qualcosa da insegnare, non solo sotto il profilo professionale, bensì sotto il profilo umano..che è ben altra cosa!

Popup Login Form